SONO IN VENDITA I BIGLIETTI PER "JOYCE" DI E CON MAURO COVACICH DAL 17 GIUGNO ALLA SALA BARTOLI CON UN'ANTEPRIMA SU RAI RADIO 3
  • 1 Giugno 2022
  • Comunicati stampa

“Un’applaudita presentazione al Salone Internazionale del libro di Torino, poi il 16 giugno un’anteprima in diretta da Trieste su Rai Radio 3 nel corso della trasmissione “Radio 3 Suite”: momenti prestigiosi precedono il debutto di “Joyce” di e con Mauro Covacich, a cura di Massimo Navone in programma dal 17 al 19 giugno alla Sala Bartoli. Lo spettacolo - nuova produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia - si inserisce fra gli eventi del Bloomsday a cura del Comune e dell’Università degli Studi di Trieste.”.

Dopo un’applaudita presentazione che si è tenuta nell’ambito del Salone Internazionale del Libro di Torino, arriva in scena alla Sala Bartoli del Politeama Rossetti, dal 17 al 19 giugno, “Joyce” di e con Mauro Covacich, a cura di Massimo Navone, nuova produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. I biglietti sono già in vendita.

Lo spettacolo debutta nell’ambito degli eventi legati al Bloomsday, e sarà trasmesso in anteprima il 16 giugno alle ore 21 in diretta da Rai Radio 3 nel corso della trasmissione “Radio 3 Suite”.

La registrazione sarà realizzata in collaborazione con la Sede Rai Friuli Venezia Giulia.

Una serie di prestigiosi momenti di avvicinamento, dunque, all’evento “Joyce” che Mauro Covacich propone da autore e protagonista, dopo il successo riscontrato nella stagione appena conclusa, dalla lezione monologo dedicata a Svevo.

Mauro Covacich affronta un altro corpo a corpo con un gigante della letteratura triestina, James Joyce, la cui opera mondo, “Ulisse”, festeggia nel 2022 i cento anni della sua prima edizione integrale. Joyce ha trovato a Trieste l’isolamento linguistico per poter scavare nei giacimenti più profondi dell’inglese, accedendo a un livello di verità difficilmente raggiungibile.

L’autore e protagonista, in scena, mette in luce i tratti umani ed artistici di quello che si può considerare il primo scrittore performer, un uomo che ha subito quindici operazioni agli occhi e ha dato vita a una nuova forma di visibilità, ritenuto troppo cerebrale e che non ha mai smesso di parlare del corpo, un autore ritenuto elitario e che si è sempre pensato come un operaio della scrittura, il genio che ha mostrato come gli uomini siano un’invenzione del linguaggio.

Il Bloomsday, celebrazione organizzata in tutto il mondo il 16 giugno in onore dello scrittore irlandese James Joyce, sottolinea ancor più nel 2022 il legame importante dell’autore irlandese con Trieste, grazie alle tante iniziative organizzate in città dal Museo Joyce di Trieste del Comune di Trieste in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste.

Sia per lo spettacolo “Joyce” di e con Mauro Covacich in scena alla Sala Bartoli il 17, 18 e 19 giugno alle ore 19 sia per il Joyce, il piano-recital di Morgan del 17 giugno alle ore 21 al Politeama Rossetti - anch’esso fra gli eventi del Bloomsday - il Teatro Stabile ricorda che sarà possibile “spendere” le stelle rimaste degli abbonamenti alla stagione 2021-2022, e che rimarranno valide le School Card e gli abbonamenti Under 26. Per biglietti e prenotazioni è sufficiente rivolgersi alla Biglietteria del Politeama Rossetti agli altri consueti punti vendita, o via internet sul sito www.ilrossetti.it. Informazioni anche al numero del Teatro 040.3593511.

Mauro Covacich (Trieste, 1965) è autore della raccolta di racconti “La sposa” (2014, finalista premio Strega) e di numerosi romanzi. Presso La nave di Teseo ha pubblicato in una nuova edizione il “ciclo delle stelle”, “A perdifiato” (2003), “Fiona” (2005), “Prima di sparire” (2008) e “A nome tuo” (2011), oltre a “La città interiore” (2017, finalista premio Campiello) e “Di chi è questo cuore” (2019). Lo scorso aprile, per lo stesso editore, è uscito il saggio narrativo “Sulla corsa”, dedicato alla sua lunga consuetudine con la maratona. Nel 1999 l’Università di Vienna gli ha conferito il Woursell Award.

- - -

 

JOYCE”

di e con Mauro Covacich

a cura di Massimo Navone

produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

 

 

L’ufficio stampa

Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter