Votazioni terminate
  • Crediti

    con Laibach
    assieme alla RTV Slovenia Symphony Orchestra diretta dal M° Navid Gohari, il gruppo vocale Human Voice Ensemble di Teheran, il coro Gallina Vocal Group e l’orchestra di fisarmoniche femminile AccordiOna

    evento organizzato da VignaPR e AND Production
    in collaborazione con il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Da oltre quarant’anni sulle scene, sono i pionieri della musica industrial, autentiche icone in tutto il mondo e punto di riferimento per migliaia di band, i Rammstein su tutti!

Sono la più importante band slovena di tutti i tempi: stiamo parlando dei Laibach che annunciano il debutto in Italia di “Alamut”, la nuova straordinaria opera sinfonica composta assieme ai musicisti iraniani Idin Samimi Mofakham e Nima A.Rowshan.

Sul palco del Politeama Rossetti di Trieste una storia che arriva dalla Persia dell’XI secolo e descrive la nascita e lo sviluppo delle organizzazioni terroristiche e totalitarie.

Lo spettacolo è tratto dal romanzo dello scrittore sloveno Vladimir Bartol, nato proprio a Trieste, scritto nel 1938 in pieno regime nazifascista.

La storia, i personaggi e i luoghi di “Alamut” hanno ispirato la creazione di “Assassin’s Creed”, uno dei videogiochi più famosi al mondo.

 

Clicca qui per acquistare i biglietti sul circuito Vivaticket

Clicca qui per acquistare i biglietti sul circuito Ticketone

Clicca qui per acquistare i biglietti sul circuito Eventim

PREZZO DEI BIGLIETTI

Platea A Interi € 57,50 | Ridotti abbonati € 54,00

Platea B Interi € 49,45 | Ridotti abbonati € 47,00

Platea C Interi € 41,40 | Ridotti abbonati € 39,00

I Galleria Interi € 37,95 | Ridotti abbonati € 36,00

II Galleria Interi € 31,05 

Loggione Interi € 25,30

 

Biglietti in vendita a partire dalle ore 10:00 di mercoledì 17 maggio: online su Ticketone.it, Eventim.si, Vivaticket.it, in tutti i punti di vendita autorizzati e alle biglietterie del teatro

 

Domenica 15 Ottobre
20:30

Da oltre 40 anni sulla scena musicale, i Laibach sono la più importante band slovena di tutti i tempi e sono i pionieri della musica industrial, autentiche icone in tutto il mondo e punto di riferimento assoluto per migliaia di band, su tutto i Rammstein.

Le loro canzoni sono entrate anche nella cultura pop e sono state utilizzate in diverse produzioni cinematografiche: Blair Witch Project, Spiderman e anche Iron Sky 1 e 2.

Durante la loro carriera, i Laibach hanno tenuto oltre mille concerti e venduto più di due milioni di dischi, la maggior parte dei quali pubblicati con l’etichetta indipendente britannica Mute (Nick Cave, Depeche Mode, Kraftwerk, New Order, etc.).

Il loro album Opus Dei, pubblicato nel 2021, è stato riconosciuto da Rock, la celebre rivista di settore, come uno dei migliori cinque album industrial di tutti i tempi). Nel 2015 sono stati il primo gruppo straniero a suonare in Corea del Nord, un paese considerato una delle peggiori dittature del mondo, in un’impresa documentata nel film Liberation Day. Il gruppo non si è mai alleato con nessun partito politico, concentrandosi invece sui meccanismi di propaganda che si applicano a tutti.

I Laibach annunciano il debutto in Italia di “Alamut”, la nuova straordinaria opera sinfonica, composta dalla band slovena assieme ai musicisti iraniani Idin Samimi Mofakham e Nima A.Rowshan della Teheran Symphony Orchestra, basata su una famosa storia ambientata nella Persia dell’XI secolo.

Il concerto sinfonico – che vedrà i Laibach sul palco assieme alla RTV Slovenia Symphony Orchestra diretta dal M° iraniano Navid Gohari, il gruppo vocale Human Voice Ensemble di Teheran, il coro Gallina Vocal Group e l’orchestra di fisarmoniche femminile AccordiOna – andrà in scena domenica 15 ottobre al Politeama Rossetti di Trieste, organizzato da VignaPR e AND Production.

Alamut, il titolo dello spettacolo, è tratto dal romanzo dello scrittore Vladimir Bartol, nato proprio a Trieste, scritto nel 1938 in pieno regime nazifascista.

Attraverso l’espediente letterario di un contesto storico lontano, Alamut esamina i meccanismi di propaganda negli anni in cui l’autore Bartol assiste all'ascesa del fascismo a Trieste, dove viveva. Best-seller all’estero, in Italia solo dopo il 2001, in seguito all’attentato alle Torri Gemelle di New York, la fortuna di questo libro ebbe nuova vita; la sua storia ha inoltre ispirato la creazione di Assassin’s Creed, uno dei videogiochi più famosi al mondo.

Il personaggio centrale di questa storia è Hassan-i Sabbāh, carismatico leader religioso e politico degli Ismailiti Nizari e fondatore di una misteriosa formazione militare nota come Assassini, temuti e rispettati fino ad oggi. Hassan-i Sabbāh è un profeta autoproclamato che guida una guerra santa contro i Selgiuchidi che lo porterà alla conquista della loro roccaforte, il castello di Alamut. Il motto "Nulla è vero, tutto è permesso" come principio supremo degli Ismailiti è l'idea centrale del romanzo, che, nello spirito dell'ascesa del fascismo (il romanzo è stato sarcasticamente dedicato a Benito Mussolini), si basa sulla negazione di tutte le dottrine e le tradizioni, ed esprime lo scetticismo filosofico più radicale e nichilista.

Nell’imponente spettacole dei Laibach le idee del nichilismo radicale si intrecciano con la poesia persiana classica di Omar Khayyam, e i versi sensuali di Mahsati Ganjavi si mescolano con i colori orchestrali minimalisti derivati dalla tradizione iraniana.

Il meccanismo di propaganda di Hassan-i Sabbāh trova eco nel principio industrial su cui si muovono sia le dinamiche musicali orchestrali che il suono unico e inconfondibile della band. Sarà un’anteprima assoluta, sarà una serata evento.

Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter