IL CANTO DELLA CADUTA
LIBERAMENTE ISPIRATO AL MITO DEL REGNO DI FANES


Votazioni aperte dal 8 Gennaio
  • Crediti

    di Marta Cuscunà

    progettazione e realizzazione animatronica Paola Villani
    assistente alla regia Marco Rogante
    progettazione video Andrea Pizzalis

    con Marta Cuscunà

    costruzioni metalliche Righi Franco Srl

    partitura vocale Francesca Della Monica
    assistente alla realizzazione animatronica Filippo Raschi

    lighting design Claudio “Poldo” Parrino
    esecuzione dal vivo luci, audio e video Marco Rogante

    distribuzione: Laura Marinelli
    co-produzione Centrale Fies, CSS Teatro stabile d’innovazione del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Torino, São Luiz Teatro Municipal | Lisbona
    in collaborazione con Teatro Stabile di Bolzano, A Tarumba Teatro de Marionetas | Lisbona residenze artistiche: Centrale Fies, Dialoghi– Residenze delle arti performative a Villa Manin, São Luiz Teatro Municipal, La Corte Ospitale
    con il contributo del Centro di Residenza dell’Emilia-Romagna “L’arboreto-Teatro Dimora | La Corte Ospitale”
    Sponsor tecnici: igus® innovazione con i tecnopolimeri; Marta s.r.l. forniture per l’industria
    Marta Cuscunà fa parte del progetto Fies Factory di Centrale Fies

    Repliche: 6

PREZZO DEI BIGLIETTI

Posto unico Interi € 19 | Ridotti € 16 | 1

Last minute € 15

 

Prenotazioni abbonati altri-percorsi 23/11 h. 10.00

Prenotazioni stelle 27/11 h. 10.00

Vendita biglietti 29/11 h. 10.00

Martedì 8 Gennaio
19:30
Mercoledì 9 Gennaio
21:00
Giovedì 10 Gennaio
21:00
Venerdì 11 Gennaio
19:30
Sabato 12 Gennaio
21:00
Domenica 13 Gennaio
17:00

Artista monfalconese, ma di formazione e carriera internazionale, Marta Cuscunà crea seguendo una poetica e linguaggi originalissimi, esprimendosi attraverso il teatro visuale, sperimentando e costruendo arte sulla base di uno studio meticoloso. Ne risulta un tipo di teatro singolare, raffinato e dalla notevole forza emotiva, premiato in Italia e all’estero, che il pubblico dello Stabile ha appaludito nel 2014 quando Marta Cuscunà ha presentato “La semplicità ingannata” uno spettacolo per attrice e pupazze, tappa della sua importante ricerca sulle “Resistenze femminili in Italia”.

In scena la presenza di diverse tipologie di pupazzi meccanici progettati e realizzati dalla scenografa Paola Villani: lo spettacolo si inserisce in una tradizione di teatro visuale e di figura, che scardina l’immaginario legato a questo settore proprio con la scelta di utilizzare, per la movimentazione, alcune tecnologie, comunemente applicate all’industria. Nell’uso di queste figure e strumentazioni, l’artista cerca «una strada per aprire le porte a un racconto diverso da quello a cui ci hanno assuefatto i telegiornali, in cui la distruzione bellica è talmente esibita ed esposta da risultare ormai inoffensiva. Vorrei cercare di rendere visibile ciò che caratterizza i personaggi del mito e che porta alla nascita dell’ideologia della sopraffazione: il tradimento della natura umana e del proprio ruolo in favore della spada e del profitto individuale».

Lo spettacolo s’ispira al Mito di Fanes, parte della tradizione popolare della minoranza Ladina, che vive nelle valli delle Dolomiti. Il ciclo epico racconta la fine del regno pacifico delle donne e l’avvento della cruenta epoca della spada: è “il canto della caduta nella guerra e nell’orrore”. Dolasilla principessa di Fanes, è costretta dal padre – assetato di potere e ricchezza – a diventare una Tjeduya, una guerriera. La scelta sciagurata causa la conclusione del regno pacifico e matrilineare del suo popolo che finisce quasi per estinguersi nel sangue. Il mito vuole che pochi superstiti bambini e l’anziana regina attendano ancora il tempo della rinascita, nascosti nelle viscere della montagna. Il suggestivo racconto non è estraneo alla nostra cruenta attualità, e conduce Marta Cuscunà a un’approfondita ricerca attraverso l’archeomitologia e le teorie delle studiose Riane Eisler e Marija Gimbutas: così tramite l’antico mito porta alla luce un affresco perduto di come eravamo e di un’auspicabile alternativa sociale per il futuro dell’umanità. 

Clicca qui per prenotare i biglietti con l'abbonamento stelle o libero.

Acquista i biglietti
Data
martedì
08
gennaio

Orario
19:30
Data
mercoledì
09
gennaio

Orario
21:00
Data
giovedì
10
gennaio

Orario
21:00
Data
venerdì
11
gennaio

Orario
19:30
Data
sabato
12
gennaio

Orario
21:00
Data
domenica
13
gennaio

Orario
17:00
Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter