Votazioni terminate
  • Crediti

    creazione, regia e intrepretazione Cécile Roussat & Julien Lubek

    scene Antoine Milian

    animazione pupazzi e marionette Aurélie Leoputre o Sayaka Kasuya

    produzione Le Shlemil Theâtre coproduttore Teatro di Charenton Saint‐Maurice e con il sostegno di Spedidam, La Palène (Rouillac), La Vence Scène (Saint‐Egrève), Le Chapieteau MeliMelo (Versailles), Comune di Celle-­les-­Bordes tour italiano a cura di Bags Entertainment

    Repliche: 1

È proprio una chicca “Au Bonheur des Vivants” degli artisti francesi Cécile Roussat & Julien Lubek: al Festival di Avignone 2016 ha trionfato conquistando tutti per le sue atmosfere piene di umorismo e surrealtà, poesia e giocosità.

PREZZO DEI BIGLIETTI

Speciale PROMO BLAK FRIDAY: PLATEA A-B € 20

Platea Interi € 29 | Ridotti € 25 | 2

Galleria Interi € 19 | Ridotti € 151

 

Prenotazioni stelle 21/11

Vendita biglietti 23/11

Venerdì 5 Gennaio
20:30

È proprio una chicca “Au Bonheur des Vivants” degli artisti francesi Cécile Roussat & Julien Lubek: al Festival di Avignone 2016 ha trionfato conquistando tutti per le sue atmosfere piene di umorismo e surrealtà, poesia e giocosità.

Roussat & Lubek sono stati allievi di Marcel Marceau e sul palcoscenico evocano la sua stessa delicata e divertente cifra poetica, in uno spettacolo che sa incantare adulti e bambini e si ricollega a quel filone che lo Stabile ha sempre sviluppato, ospitando artisti che declinano la clownerie in modo diverso: dall’indimenticabile “Slava Snowshow” applaudito in più occasioni, alla rivelazione della famiglia Semianiki lo scorso anno, alle follie esilaranti di Tomas Kubinek.

In “Au Bonheur des Vivants” (Le gioie della vita) Roussat & Lubek creano una favola visuale e fantastica che racconta la magia del vivere. E lo fanno in una dimensione da sogno, come quando si è sul confine fra il confortevole abbandono al sonno e la paura dell’incognito. Il loro sogno, come la vita, è disseminato di ostacoli insignificanti e momenti di grazia: attraverso la sincerità del clown e la delicatezza del mimo, raccontano la noia e il desiderio, la paura e la menzogna, l’attesa e la sorpresa… Per affrontare questi temi usano tutti i codici della loro ricca espressività: nello spettacolo si gode così del teatro fisico, ma anche di splendida musica, ci si incuriosisce per l’illusionismo, per il mimo e per la manipolazione di oggetti. Le scene si susseguono, come nel mondo onirico, più per associazione che per consecutio logica, ed anche le atmosfere possono mutare improvvisamente: dalla tenerezza lieve di un Pierrot che Julien Lubek spesso riecheggia, si può passare in un baleno a un turbillon euforico, scherzoso e scatenato. 

IL TRAILER DELLO SPETTACOLO

 

Allo stesso modo sul palco – grazie alla magia dei due creatori – possono prendere forma le visioni più strane: una bizzarra poltrona che suona la fisarmonica, un orso gigante che interviene in difesa di un piccolo peluche maltrattato, una borsa di coccodrillo che protegge i segreti della sua padrona, e Babbo Natale in persona che vuol per forza essere in scena ma si rivela un vero burbero… I bambini restano deliziati da tanta fantasia e gli adulti incantati dalla molteplicità di rimandi (dai fumetti ai dipinti di Magritte, dagli Addams al cinema di Murnau) che lo spettacolo mette continuamente in gioco, sfidando le leggi fisiche e la resistenza stessa di chi sta in scena. «Essere ragionevoli?» si dicono i due straordinari artisti «Bisognerebbe esser pazzi!».

Clicca qui per prenotare i biglietti con l'abbonamento stelle o libero.

Potrebbero interessarti...
BLUE MAN GROUP
  • 22 - 26 Nov 2017
  • Sala Assicurazioni Generali
SCOPRI
TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE
  • 1 - 4 Mar 2018
  • Sala Assicurazioni Generali
SCOPRI
Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter