Votazioni terminate

Hai votato

Grazie!

Attenzione!

Per votare devi accedere all'area privata

  • Crediti

    elaborazione drammaturgica Alessandro Marinuzzi, Davide Rossi
    tratto da "Un anno di scuola" di Giani Stuparich
    editore Quodlibet per gentile concessione di Nefertiti Film

    progetto drammaturgico e regia Alessandro Marinuzzi

    con gli attori della Compagnia Stabile del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia Ester Galazzi e Riccardo Maranzana
    e con gli attori e le attrici della Compagnia Giovani (progetto TeSeO) del Teatro Stabile del Veneto Meredith Airò Farulla, Riccardo Bucci, Davide Falbo, Chiara Pellegrin, Emilia Piz, Gregorio Righetti, Andrea Sadocco, Daniele Tessaro

    elementi scenici e costumi Andrea Stanisci

    assistente alla regia Davide Rossi

    produzione TSV – Teatro Nazionale, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

    Si ringrazia il Teatro Stabile Sloveno (Slovensko Stalno Gledališče) di Trieste per alcuni elementi scenici e costumi
    Si rivolge inoltre un particolare ringraziamento a Giusy Criscione, ricordando con speciale affetto Corrado Premuda

“Quell’anno di scuola” - adattato dal bellissimo romanzo di Giani Stuparich, da Alessandro Marinuzzi e Davide Rossi - è stato fra i titoli più applauditi alla Sala Bartoli nella passata stagione e ritorna in scena a grande richiesta. Il progetto nasce nell’estate 2021 quando il Teatro Stabile organizza tre maratone letterarie nel Giardino di Piazza Hortis: uno dei romanzi letti è proprio “Un anno di scuola”. L’idea di portarlo in scena è immediata.
Il progetto viene così affidato al regista Alessandro Marinuzzi che crea questo toccante spettacolo con gli attori dello Stabile Ester Galazzi e Riccardo Maranzana e della Compagnia Giovani del progetto TeSeO dello Stabile del Veneto. «Si tratta di una struggente rivisitazione d’ispirazione autobiografica della Trieste di primo Novecento, della sua gioventù e del suo ambiente culturale, a pochi anni dallo scoppio di quella prima guerra mondiale che cambiò molti destini collettivi e individuali, ma è anche uno strumento per mettere criticamente a confronto la società e i giovani di allora con quelli di oggi» spiega Alessandro Marinuzzi.
Siamo a Trieste nel 1909. Per la prima volta una ragazza accede all’ottavo anno del Ginnasio Comunale Superiore, da cui il viatico per l’Università e per ambire all’indipendenza. Antesignana e coraggiosa, fragile e forte, sola femmina ammessa in una scuola tutta maschile, Edda vuol essere considerata semplicemente “uno fra i molti compagni di classe”, ma diviene suo malgrado l’incarnazione dolce e irriverente di un ideale femminile che turba i compagni.

Clicca qui per l'acquisto con l'abbonamento libero/stelle

Clicca qui per l'acquisto dei biglietti sul circuito Vivaticket

PREZZO DEI BIGLIETTI

Posto unico Interi € 19 | Ridotti € 16 | 1★

Last minute € 15

 

Prenotazioni stelle 05/12 h. 10.00

Vendita biglietti 07/12 h. 10.00

Mercoledì 10 Gennaio
21:00
Giovedì 11 Gennaio
21:00
Venerdì 12 Gennaio
19:30
Sabato 13 Gennaio
18:00
Sabato 13 Gennaio
21:00
Domenica 14 Gennaio
17:00
Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter