LE CURE DI BELLEZZA DELL' IMPERATRICE SISSI


Votazioni aperte dal 25 Aprile
  • Crediti

    di Roberto Cavosi

    regia di Roberto Cavosi

    con Anna Ammirati

    una coproduzione Fondazione Teatro della Toscana, Teatro Stabile di Bolzano e Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

“Le cure di bellezza dell’Imperatrice Sissi”, è il racconto dell’inquieta e tormentata vita dell’Imperatrice Elisabetta d’Austria, comunemente nota come Sissi.

PREZZO DEI BIGLIETTI

Posto unico Interi € 19 | Ridotti € 16 | 1★

Last minute € 15

Prenotazioni stelle 07/03 h. 10.00

Vendita biglietti 09/03 h. 10.00

Martedì 25 Aprile
19:30
Turno PLATINUM 1
Aggiungi al calendario
Mercoledì 26 Aprile
21:00
Giovedì 27 Aprile
21:00
Venerdì 28 Aprile
19:30
Sabato 29 Aprile
21:00
Domenica 30 Aprile
17:00

Il testo si snoda in vari quadri, ognuno dei quali prende in esame alcuni aspetti del carattere e del pensiero dell’Imperatrice: dalla filosofia al sesso, dalla politica all’arte. Il ritratto generale che man mano si compone mette in luce una donna tanto anticonformista quanto profondamente frustrata dalla rigidità e spietatezza della Corte Viennese, ma anche la grande poesia e la voglia di libertà di una creatura che si riteneva eternamente “chiusa in gabbia”. Anoressica, in eterno lutto per le morti assurde di due dei suoi figli, sviluppa una sensibilità dolente e rabbiosa al tempo stesso ma tutt’altro che astratta, rivolta infatti anche verso le più delicate questioni sociali: dalle sofferenze delle minoranze etniche, ai soprusi subiti dal proletariato. Antimperialista e contraria ad ogni genere di violenza, chiusa in una Corte sorda e claustrofobica, Sissi si dedica maniacalmente alla cura del suo corpo, dei suoi capelli: un modo per fuggire, per non sentire il senso di morte che aleggia intorno a lei, profeta dell’imminente crollo dell’Impero Asburgico. Le cure di bellezza dell’Imperatrice Sissi, è un testo dove alte si fanno le “grida” della sfortunata Sissi, imperatrice suo malgrado, ma donna irripetibile, il cui animo sembra però parte di tutti noi.

Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter