Votazioni aperte dal 1 Marzo
  • Crediti

    regia di Giuseppe Marini

    con Claudio Casadio, Andrea Paolotti, Carmine Fabbricatore, Edoardo Frullini, Valentina Carli, Andrea Monno, Cecilia D'Amico, Giulia Paoletti

    scene di Alessandro Chiti

    costumi di Laura Fantuzzo

    musiche di Paolo Coletta

    light designer Javier Delle Monache

    produzione Società per Attori, Accademia Perduta Romagna Teatri, Goldenart Production

«Un intenso spettacolo civile, denso di spunti di riflessione, che ben racconta come il disagio giovanile prosperi e si magnifichi nel disagio sociale, e come la condizione positiva del proprio stare nella vita passi per morale, conoscenza e cultura» così Magda Poli definisce “La classe” sulle colonne del Corriere della Sera.

PREZZO DEI BIGLIETTI

Platea A-B Interi € 27 | Ridotti € 24 | 2★

Platea C Interi € 23 | Ridotti € 19 | 1★

Gallerie Interi € 18 | Ridotti € 16 | 1★

 

Prenotazioni stelle 8/2 h. 10.00

Vendita biglietti 10/2 h. 10.00

 

Si ricorda che dal 6 agosto 2021 l’accesso agli spettacoli aperti al pubblico è consentito in zona bianca esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 (Green Pass).

Martedì 1 Marzo
20:30
Mercoledì 2 Marzo
20:30

Lo spettacolo nasce in effetti dalla sinergia fra soggetti operanti nell’ambito della formazione, della ricerca e della psichiatria sociale oltre che del teatro ed il suo profondo radicamento nella realtà lo rende particolarmente necessario e avvincente. Scritta da Vincenzo Manna per la regia di Giuseppe Marini e interpretato da una numerosa compagnia capeggiata da Claudio Casadio, la pièce si ambienta in una cittadina europea dove è in atto una grave crisi economica.

Disoccupazione, conflitti sociali, criminalità... il decadimento appare generalizzato e inarrestabile. Come se non bastasse la periferia ospita lo “Zoo”, uno dei campi profughi più vasti del continente, rifugio di migliaia di disperati. Lo spettacolo ci fa entrare in un Istituto Comprensivo specializzato in corsi professionali, situato proprio nel quartiere più prossimo allo “Zoo”. Ad Albert, professore di Storia, viene affidato un corso di recupero crediti rivolto a studenti sospesi per motivi disciplinari. La scuola rispecchia chiaramente il disagio sociale, ma Albert si impegna e non abdica in partenza al proprio ruolo: il suo corso pomeridiano si trasforma in un’intensa esperienza capace di mutare il destino del professore e degli studenti.

Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter