Votazioni aperte

Hai votato

Grazie!

Attenzione!

Per votare devi accedere all'area privata

  • Crediti

    di Vitaliano Trevisan

    regia Giorgio Sangati

    assistente alla regia Valeria de Santis

    con Maria Paiato
    e con Carlo Valli e Alessandro Mor

    scene Alberto Nonnato

    costumi Gianluca Sbicca

    musiche Michele Rabbia

    luci Cesare Agoni

    produzione Centro Teatrale Bresciano e Teatro Biondo di Palermo

La penna acuta di Vitaliano Trevisan indaga la figura di uno dei massimi maestri dell’architettura del Novecento, il veneziano Carlo Scarpa. Ma non è lui a raccontarsi in scena: il ritratto avviene attraverso un intrecciarsi di pensieri, dialoghi, emozioni che il suo ricordo e la sua arte suscitano in altri personaggi.

Clicca qui per l'acquisto dei biglietti con il tuo abbonamento libero/stelle

Clicca qui per l'acquisto dei biglietti

PREZZO DEI BIGLIETTI

Platea A-B Interi € 27 | Ridotti € 24 | 2★

Platea C Interi € 23 | Ridotti € 19 | 1★

Gallerie Interi € 18 | Ridotti € 16 | 1★

 

Prenotazioni stelle 2/11 h. 10.00

Vendita biglietti 4/11 h. 10.00

 

Si ricorda che dal 6 agosto 2021 l’accesso agli spettacoli aperti al pubblico è consentito in zona bianca esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 (Green Pass).

Mercoledì 24 Novembre
20:30
Giovedì 25 Novembre
20:30
Venerdì 26 Novembre
20:30
Sabato 27 Novembre
20:30
Domenica 28 Novembre
16:00

Parla una donna in particolare, anziana vedova di un ricco imprenditore che dopo molti anni ritorna, nostalgica, nella sua villa sul lago progettata proprio da Scarpa, a cui l’aveva legata un rapporto d’elezione. Ripercorre il proprio passato di attrice, poi di moglie, per giungere allo stretto rapporto con l’architetto.

Dialoga con un professore di storia dell’architettura, che proprio al maestro intende dedicare un libro e che le svelerà l’enigma di Sendai in Giappone, dove Carlo Scarpa morì per un incidente nel 1978. Parola dopo parola emerge così il profilo di un uomo eccentrico e geniale, dominato dal “delirio del particolare”, dall’ossessione del dettaglio e del controllo, creatore di un poema di forme che giocano con il tempo e lo spazio e sfidano il mistero della morte...

Un uomo scomparso in modo così banale e assieme enigmatico. Diretti da Giorgio Sangati, due eccellenti attori come Carlo Valli e Alessando Mor e il sofisticato, impetuoso talento di Maria Paiato accompagnano lo spettatore attraverso un testo metafisico, dove il genio di Carlo Scarpa, il senso recondito della sua straordinaria ricerca artistica, divengono il pretesto per svolgere una malinconica, struggente riflessione sull’arte e sulla fine.

Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter