Votazioni aperte

Hai votato

Grazie!

Attenzione!

Per votare devi accedere all'area privata

  • Crediti

    a cura di Stefano Bianchi

    eventi organizzati dal Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl
    con la collaborazione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Consueti appuntamenti di divulgazione e approfondimento dello "Schmidl" a cura di Stefano Bianchi, accordano il proprio calendario al progetto TSxGS e ospitano incontri e conversazioni con studiosi e artisti. Si tratta di esperti che hanno dedicato le loro pubblicazioni a uno dei tanti aspetti nei quali si sono espressi il talento artistico e la complessità culturale di Strehler.

ACCESSO CON GREEN PASS – Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili

Prenotazione consigliata all’indirizzo museoschmidl@comune.trieste.it (indicando nome, cognome e recapito telefonico)

 

IL CALENDARIO

lunedì 11 ottobre ore 17.30 / Sala Bazlen
QUELLO STREHLER PRIVATO
Partendo dalle pagine di Strehler privato. Carattere affetti passioni - il volume che ha realizzato per conto del Comune di Trieste, nel dicembre 2007, in occasione del decennale della morte - Roberto Canziani, esperto di teatro contemporaneo internazionale, ricostruisce le ragioni, le motivazioni, gli esiti che hanno permesso la costituzione del Fondo Giorgio Strehler presso il Museo. Ospite dell'incontro è l'archivista Franca Tissi, curatrice dell'ordinamento del Fondo.
Con la partecipazione di Andrea Germani

lunedì 18 ottobre ore 17.30 / Sala Bazlen
STREHLER, GOLDONI, I LORO MEMOIRES
Docente di Storia del Teatro all'Università di Trieste, Paolo Quazzolo ha dedicato uno studio alle sceneggiature che Strehler scrisse alla fine degli anni '60 per un originale televisivo Rai – mai realizzato – sulla vita di Carlo Goldoni. Di queste carte si era perduta traccia. Ritrovate e custodite adesso tra i materiali Fondo, quelle pagine sono state pubblicate dalla casa editrice Marsilio nel 2013.
Con la partecipazione di Emanuele Fortunati

lunedì 8 novembre ore 17:30 / Sala Bazlen
LE MILLE VITE DI ARLECCHINO
Conoscitrice esperta del mondo della Commedia dell'Arte, biografa di uno dei grandi interpreti strehleriani, Nico Pepe, parte attiva nella donazione da cui origina il Fondo, Agnese Colle riprende in mano il suo volume Arlecchino in viaggio con quelli dell'Arlecchino. Un'appassionata ricostruzione della presenza scenica del più celebre fra i personaggi reinventati da Strehler.
Con la partecipazione di Riccardo Maranzana

lunedì 15 novembre ore 17.30 / Sala Bazlen
BRECHT TUTTO A MATITA
Davide Barzi e Claudio Riva, sceneggiatori, e il disegnatore Alessandro Ambrosoni, sono gli autori di un graphic novel che in modi inconsueti e avvincenti ripercorre i rapporti tra Strehler, Paolo Grassi e Bertolt Brecht, il drammaturgo tedesco che nel febbraio del 1956 giunse a Milano per assistere al primo allestimento italiano di L'opera da tre soldi. A fumetti, un capitolo decisivo della storia del Piccolo di Milano.
Con la partecipazione di Serena Costalunga e Radu Murarasu

lunedì 22 novembre ore 17.30 / Sala Bazlen
QUANDO ERA STREHLER A DIRIGERE
Nel 1997, poco prima della scomparsa di Strehler, Giancarlo Stampalia, studioso di letterature comparate e traduttore, pubblica un volume nel quale mette in fila interviste a attori, cantanti lirici, direttori d'orchestra, scenografi, costumisti, tecnici e direttori di scena. Una conversazione collettiva attorno al temperamento musicale di Strehler, edita da Marsilio e intitolata Strehler dirige: le fasi di un allestimento e l'impulso musicale nel teatro.
Con la partecipazione di Zoe Pernici e Francesco Godina

lunedì 29 novembre ore 17.30 / Sala Bazlen
L'UTOPIA DI «COSÌ FAN TUTTE»
Per inaugurare il Nuovo Piccolo Teatro, il 26 gennaio 1998, Strehler aveva scelto il mozartiano «Così fan tutte», nella prospettiva di « un cambiamento di mentalità, una proposta per un nuovo modo di intendere il teatro pubblico, un diverso rapporto con la collettività per un vero teatro d'arte». Co-protagonista di quell'avventura, interrotta dall'improvvisa scomparsa di Strehler, Carlo de Incontera ne ricuce la trama in una lucida riflessione sull'ultima lezione del Maestro.
Con la partecipazione di Giulio Cancelli

 

Congratulazioni

Errore

Iscriviti alla newsletter