Home - Stagione teatrale   -  Scheda
space
segnala stampa
dal 6 al 10 febbraio 2008
Politeama Rossetti
LE VOCI DI DENTRO
Di: Eduardo De Filippo
Scene: Enrico Job
Costumi: Enrico Job, Cristiana Lafayette
Regia: Francesco Rosi
Produzione: Associazione Teatro di Roma - Elledieffe
Interpreti: Luca De Filippo, Gigi Savoia, Antonella Morea, Marco Manchisi, Carolina Rosi, Anna Mooriello, Matteo Salsano, Matteo Mauriello, Chiara De Crescenzo, Giovanni Allocca, Giuseppe Rispoli, Adriano mattola, Stefania Guida
Repliche: 6
«La nostra cronaca quotidiana è sempre più tormentata da violenze insopportabili: madri che uccidono figli, figli che uccidono padri, pedofilia sempre più diffusa... famiglie sconvolte dall’odio, dai sospetti più atroci... Il valore di profezia della commedia di Eduardo, la sua attualità, sono sconcertanti». Francesco Rosi, regista e sceneggiatore napoletano, coraggioso maestro del filone “film-inchiesta” che ha avuto un ruolo fondamentale nel cinema italiano, è colpito dalla forza presaga di Le voci di dentro che porta in scena con un protagonista dello spessore di Luca De Filippo. De Filippo e Rosi hanno già raggiunto il successo nelle passate stagioni con Napoli Milionaria! e questo nuovo lavoro rappresenta la prosecuzione di una ricerca nel pensiero eduardiano. Napoli Milionaria! e Le voci di dentro testimoniano infatti un passaggio nel sentire dell’autore: da una visione del mondo in cui è ancora viva la speranza nei grandi cambiamenti e nel recupero dei valori dopo la fine della guerra, ad una fase – rappresentata dal secondo testo – in cui invece prevalgono la disillusione e il pessimismo. Un pessimismo che lo scrittore esprime con ironia ma anche con vigore: basta osservare il ritratto che ne Le voci di dentro offre della famiglia, espressione d’ipocrisia e corruzione morale, lontana più che mai dagli ideali di solidarietà, pietà, fratellanza che avrebbero dovuto essere i valori di un Paese volto alla rinascita. Davanti a un quadro tanto disgustoso, uno dei personaggi centrali della commedia, zio Nicola, sceglie di non parlare più e di esprimersi attraverso un alfabeto assurdo, fatto di botti, castagnole e sputi su chiunque gli capiti a tiro. La trama vuole che Alberto Saporito, nipote di Nicola, denunci sulla base di un sogno una famiglia di viciniborghesi, i Cimmaruta. Sarebbero trafficanti e assassini di un uomo scomparso: l’accusa presto si rivela infondata. Paradossalmente però, i Cimmaruta invece di dichiararsi unitamente innocenti, iniziano a sospettarsi l’un l’altro, rivelando rapporti ammorbati dall’invidia e dall’odio reciproco: ogni loro singola illazione viene confidata ad Alberto sotto gli occhi allibiti di zio Nicola... Una commedia metafisica, che sembra evocare tanta nostra realtà.


18/02/1997 - 23/02/1997 - Politeama Rossetti
UOMO E GALANTUOMO
Di: Eduardo De Filippo
Musiche: Nicola Piovani
Regia: Luca De Filippo
Produzione: Compagnia di Teatro di Luca De Filippo
Interpreti: Luca De Filippo, Sebastiano Nardone, Mario Porfito, Francesco Biscione, Umberto Bellissimo, Lello Giulivo, Paolo Serra, Stefania Micheli, Lalla Esposito, Angela Pagano, Isabella Salvato
Repliche: 6

MER 6 febbraio - h. 20.30 turno PRI

GIO 7 febbraio - h. 16.00 turno E

GIO 7 febbraio - h. 20.30 turno A

VEN 8 febbraio - h. 20.30 turno B

SAB 9 febbraio - h. 20.30 turno C

DOM 10 febbraio - h. 16.00 turno D

Inizio Prevendita
MAR 8 genaio
abbonamento stelle

GIO 10 gennaio
vendita biglietti

Durata dello spettacolo
2 ore con intervallo





Una scena dello spettacolo (jpg)
Una scena dello spettacolo (jpg)
Una scena dello spettacolo (jpg)

Legal  |  Privacy  |  © MULTIWAYS
Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia- Largo Giorgio Gaber, 1 - 34126 TRIESTE - Tel.: 040 3593511 - Fax: 040 3593555 - E-mail: info@ilrossetti.it - P. IVA 00054990320