Home - Stagione teatrale   -  50 anni del Teatro   -  Risultati della ricerca   -  Scheda
space
segnala stampa
dal 18 al 22 marzo 2009
Sala Bartoli
IL SENTIERO DEI PASSI PERICOLOSI
Di: Michail Marc Bouchard
traduzione di Francesca Moccagatta
Regia: Tommaso Tuzzoli
Produzione: Nuovo Teatro Nuovo Teatro Stabile di Innovazione Pim Spazio Scenico
in collaborazione con Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria
Interpreti: Andrea Capaldi, Andrea Manzalini, Silvio Laviano
Repliche: 6
Michel Marc Bouchard è uno fra i più noti autori contemporanei canadesi: nato nel 1958 ha iniziato la propria attività di scrittore negli anni Ottanta, imponendosi all’attenzione della critica e del pubblico con lavori incisivi nei contenuti e forti nello stile espressivo. È molto amato anche in Italia, tanto che Franco Quadri sulle colonne de La Repubblica ha parlato di lui come di «un autore che sfugge ad ogni definizione, scrivendo testi arrabbiati realistici e metaforici ad un tempo su storie locali col dono dell’universalità». Bouchard giunge ora per la prima volta sul maggior palcoscenico regionale con Il sentiero dei passi pericolosi (1998), uno dei suoi lavori migliori, nella rigorosa e limpida messinscena del giovane regista Tommaso Tuzzoli. La interpretano Andrea Capaldi, Andrea Manzalini e Silvio Laviano in modo efficace e carico di tensione, piegando il linguaggio dell’autore sul terreno fisico, quasi traducendo in incontri di lotta i confronti verbali.
Al centro della piéce sono tre fratelli molto diversi fra loro: Carl, il più giovane ha aspirazioni piccoloborghesi, Ambroise, gallerista, è omosessuale e ha provato un’insana attrazione per il fratello minore, Victor infine, è il più misterioso e colui che innesca il meccanismo drammatico. Li conosciamo nel giorno delle nozze di Carl: viaggiano assieme per raggiungere il luogo della cerimonia ma hanno un incidente e si perdono in una foresta, da cui rischiano di non far ritorno. In questa solitudine sono costretti a parlarsi: s’illuminano così, violentemente, episodi del loro passato. Primo fra tutti il suicidio del padre, avvenuto anni prima, sotto il loro occhi, su quello stesso sentiero. Victor confesserà che si è trattato in realtà di parricidio: la liberazione da un “padre padrone” ebbro e stolto.
   
  Interi € 15.00
  Ridotti € 12.50
   
  ABB. STELLE  
  Tutti i settori 1*

MER 18 marzo - h. 21.00 turno LIBERO

GIO 19 marzo - h. 21.00 turno LIBERO

VEN 20 marzo - h. 21.00 turno LIBERO

SAB 21 marzo - h. 17.00 turno LIBERO

SAB 21 marzo - h. 21.00 turno LIBERO

DOM 22 marzo - h. 17.00 turno LIBERO

Inizio Prevendita
VEN 13 febbraio
abb. gold/platinum
MAR 17 febbraio
prenotazioni abb. stelle
GIO 19 febbraio
vendita biglietti

Durata dello spettacolo
1 ora e 10' senza intervallo





Legal  |  Privacy e Cookies  |  © MULTIWAYS
Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia- Largo Giorgio Gaber, 1 - 34126 TRIESTE - Tel.: 040 3593511 - Fax: 040 3593555 - E-mail: info@ilrossetti.it - P. IVA 00054990320